Taxi story Roma storie vissute in taxi Italia

clicca la copertina e leggi
clicca la copertina e leggi

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

La solitudine di Michele

 

Michele, costretto dalla vita a stare sulla sedia a rotelle, nelle ore notturne soffre di solitudine. E quando l'insonnia prende il sopravvento, non può che rivolgersi ai tassisti del turno di notte. Scopre in loro degli amici con i quali distrarre la solitudine.

 

SINOSSI


Come nel passato, cosi lo ricordavo, spingeva a fatica su quella falsa salita per raggiungere l’angolo della strada principale, e come allora, mi sorrideva come fossi l’amico di sempre.

Una volta però arrivato vicino al taxi, con mia sorpresa, gli ho sentito dire: Ciao, chi sei?

Come non ti ricordi più del tuo vecchio amico Adriano il tassinaro? Gli ho risposto senza nascondere la sorpresa.

Ahh Sei tu? Come stai? È davvero tanto tempo che non mi vieni a prendere, che fine hai fatto?

Io ho sempre lavorato, ma è da molto che non mi capita più di prendere questa chiamata, non ho avuto più questa fortuna.

Poi ho aggiunto: quanto tempo è passato dall'ultima volta che ti ho portato?

Con la semplicità di chi non ha altro da fare che contare i giorni i minuti e le ore, mi ha risposto: sono solo due anni e ventuno giorni.

Così tanto!

 

IL RESTO DELLA STORIA POTRAI SCARICARLA SU AMAZON


Commenti: 0
** L'intervista**
** L'intervista**


Blog
Blog

Intervista  Adriano Burelli
Intervista Adriano Burelli