LA VECCHIA

 

 

 


Come è  brutta!

È tutta rattrappita che sembra una cosa senza vita.

È li seduta e non si muove,

ma non sarebbe meglio che se va a nasconne?

Poi la guardo meglio, e la vedo strana.

La guardo ancora e vedo all'improvviso, sotto la pelle, i lineamenti della donna di sempre.

Guarda che roba! …….. 

è ancora bella come allora.

Poi la guardo ancora e sotto quella pelle raggrinzita, dopo la donna, vedo la bambina.

Che forza! ……. 

Ci sono tutte e tre.

Ecco perché è così debole lenta e rattrappita,

ne porta tre in una pelle sola.

Che strano!……. 

sento la tristezza che mi assale piano piano.

Lei mi guarda, si accorge che la fisso e mi sorride, poi alza la mano in segno di rimprovero e dice: che non mi riconosci più? 

Guardami meglio, perché son sempre io,……… figlio mio.                                      

 

                                                                                                                  Adriano Burelli

** L'intervista**
** L'intervista**


Blog
Blog

Intervista  Adriano Burelli
Intervista Adriano Burelli